Occhio ai candidati a Sindaco milazzesi benedetti dalla Raffineria: solo 2 su 7 promettono di far ridurre le emissioni

Abbiamo sottoposto ai candidati a Sindaco di Milazzo quesiti specifici sulle concrete azioni che, se eletti, potranno adempiere per ridurre l’inquinamento e migliorare la qualità di vita dei milazzesi.

I quesiti più spinosi riguardano la Raffineria di Milazzo. Il prossimo Sindaco di Milazzo a breve verrà convocato in una “Conferenza dei servizi” in cui sarà riesaminata l’autorizzazione della raffineria. In tale sede il Sindaco è tenuto per legge ad esprimere le prescrizioni sanitarie, ovvero quei limiti che consentono di escludere rischi per la salute pubblica.

Abbiamo chiesto ai candidati se hanno intenzione di prescrivere limiti tali da ridurre l’inquinamento della Raffineria ed i conseguenti rischi per la salute dei cittadini.

Come vedremo, su 7 candidati solo due (Roselli e Abbriano) hanno risposto positivamente.

Secondo Pippo Midili sono invece necessari ulteriori dati. Ciò non è condivisibile, innanzitutto perché i dati sull’inquinamento della Raffineria ed i rischi connessi sulla salute ci sono eccome  (l’ultimo clamoroso documento lo abbiamo svelato proprio nelle scorse settimane). Inoltre sono innumerevoli le evidenze di gravi criticità sanitarie riconducibili, almeno in prima ipotesi, alle emissioni della Raffineria. Si pensi ad esempio al recente studio epidemiologico dell’Istituto Superiore di Sanità, che ha riscontrato a Milazzo l’eccesso di malformazioni congenite più elevato d’Italia. In ogni caso un’autorizzazione non può essere concessa senza prima aver escluso rischi per la salute delle persone: se per assurdo non ci fossero abbastanza dati, l’autorizzazione non potrebbe essere concessa. Inoltre il Sindaco è tenuto ad applicare il principio di precauzione: anche in caso di “incertezza” deve esprimere i limiti che, sulla base dei dati in suo possesso, consentono di essere certi che non ci saranno rischi per la salute delle persone.

A supporto della propria tesi Midili chiama in causa le recenti sentenze del TAR contro il Piano regionale di qualità dell’aria, dove viene contestato il fatto che le centraline di monitoraggio sul territorio regionale non sono in numero adeguato allo scopo prefissato. Il confronto però non regge, perché le prescrizioni sanitarie, a differenza del Piano regionale di qualità dell’aria, si basano sul principio di precauzione, sono sostenute da motivazioni sanitarie e soprattutto non hanno nulla a che vedere con la complessa normativa che regola i piani regionali di qualità dell’aria.

Ancora più negativa la risposta di Damiano Maisano, secondo il quale non è competenza del Sindaco prescrivere limiti che consentano di ridurre l’inquinamento. Peccato che la normativa dica tutt’altro. Consigliamo a Maisano, se ha intenzione di fare il Sindaco, di consultare la normativa in materia, ed in particolare l’art. 29-quater, comma 6, del codice ambientale.

La risposta di Adele Roselli si mostra invece convintamente positiva: si impegna chiaramente ad esprimere prescrizioni sanitarie volte alla riduzione delle emissioni, comprese quelle di idrocarburi non metanici, nota causa di odori molesti (ma probabilmente correlate anche al grave eccesso di malformazioni congenite).

Positiva anche la risposta di Gioacchino Abbriano, che si impegna ad esprimere le prescrizioni sanitarie finalizzate a ridurre l’inquinamento, conciliando “ambiente, salute e lavoro”. Tuttavia è necessaria qualche puntualizzazione sul riferimento di Abbriano alla conferenza dei servizi del 28 marzo 2018, in cui le prescrizioni sanitarie sarebbero state “rimandate” di 3 anni in virtù di un accordo con la RAM, che avrebbe dovuto finanziare uno studio e acquistare due centraline. Abbriano afferma che, allo scadere dei 3 anni, chiederà un nuovo riesame dell’autorizzazione e, verificato che l’accordo non è stato rispettato, riattiverà le prescrizioni già espresse nel 2018.

Va comunque precisato che di studi epidemiologici autorevoli, oggi come allora, ce ne sono a iosa: studi condotti dall’Istituto Superiore di Sanità, dall’Assessorato regionale della Sanità e dall’Università di Messina. Non c’è di certo alcun bisogno di  uno studio finanziato dalla Raffineria. In ogni caso il prossimo Sindaco verrà convocato in Conferenza dei servizi a breve, quindi probabilmente prima dello scadere dei famosi 3 anni.

Sulle emissioni odorigene Abbriano risponde di ritenere necessario prevedere dei limiti, che oggi non ci sono. Aggiunge però che vorrebbe individuare con certezza la fonte emissiva. In realtà la fonte emissiva è già individuata, anche perché sul perimetro della Raffineria funzionano già i nasi elettronici. Purtroppo però, senza alcun limite da rispettare, i nasi elettronici sono fini a se stessi. Le prescrizioni sanitarie del 2018, poi revocate (o “rimandate”, se si preferisce), prevedevano il limite di 5 UO/m3 da applicare proprio ai nasi elettronici.

I rimanenti tre candidati (Lorenzo ItalianoGiovanni Utano e Maurizio Munafò) hanno preferito non rispondere ai nostri quesiti, sebbene più volte sollecitati. E chi non risponde, si sa, spesso ha qualcosa da nascondere.

In realtà Utano ha risposto di non avere tempo e ci ha inviato il suo programma elettorale. Però se 7 candidati su 10 (considerando anche le elezioni di Barcellona) hanno trovato il tempo di rispondere ai nostri quesiti qualcosa non torna: non è che ci volesse tutto questo tempo!

Per di più va detto che il programma elettorale di Utano è alquanto deludente: la Raffineria non viene mai menzionata e le problematiche sulla qualità dell’aria vengono attribuite unicamente al traffico. Una visione che potrebbe andar bene nelle “ordinarie” grandi città, ma non certo in una cittadina di modeste dimensioni assediata da grosse industrie inquinanti come Milazzo. Consigliamo ad Utano di consultare l’inventario delle emissioni dell’ARPA, che evidenzia come la principale fonte emissiva della zona sia la Raffineria.

Sugli altri quesiti ambientali che abbiamo posto (gestione rifiuti, piano paesaggistico, costa, torrenti, mare, rapporti con associazioni) Midili, Maisano, Abbriano e Roselli hanno risposto in maniera per lo più positiva, anche se c’è da segnalare la posizione di Maisano (peraltro già nota) sull’Area Marina Protetta, che vorrebbe riperimetrare. Su questo punto, così come anche sul Piano paesaggistico, non ha invece risposto Midili.

Pubblichiamo qui le risposte integrali dei 4 candidati che hanno risposto:

Per completezza pubblichiamo anche il programma elettorale inviatoci da Utano, che comunque non può essere considerato rispondente ai nostri quesiti:

Le risposte dei candidati a Sindaco di Barcellona su emergenza rifiuti, Raffineria e altri quesiti ambientali

Tutti e tre i candidati a Sindaco di Barcellona P.G. hanno risposto ai nostri quesiti su emergenza rifiuti, inquinamento atmosferico e altre questioni ambientali.

 Sulla QUESTIONE RIFIUTI, la più spinosa per una città messa in ginocchio da un servizio inefficiente e dalle microdiscariche, tutti e tre i candidati riconoscono il problema e si dicono decisi a risolverlo. Bene, ma come? Da questo punto di vista è significativa la risposta di Antonio Mamì sulla necessità, per prima cosa, di pretendere dalla ditta attualmente addetta al servizio che vengano poste in essere tutte le attività previste dal contratto d’appalto. Verrebbe da chiedersi perché non sia stato fatto finora.

Tutti e tre i candidati inoltre pongono l’accento sulla necessità di rivedere il sistema in vista di una nuova gara d’appalto, puntando sull’incremento e la piena efficienza della raccolta differenziata porta a porta.

Giuseppe Sottile descrive in maniera articolata la sua proposta in merito ad un “sistema di raccolta totalmente innovativo”. Sia Sottile che Mamì sono d’accordo con noi sull’esigenza di introdurre la tracciabilità dei sacchetti al fine di attivare una tariffazione puntuale che premi chi differenzia di più. Peraltro – aggiungiamo noi – la tracciabilità dei sacchetti è necessaria anche per i necessari controlli sulla corretta differenziazione dei rifiuti da parte dell’utenza. In merito a tale questione si mostra invece incerto Calabrò.

Tutti e tre i candidati promettono di far sparire le microdiscariche che abbondano sul territorio comunale, ma è chiaro che è necessario anche impedire che si riformino.

Da questo punto di vista abbiamo chiesto ai candidati se sono disposti ad avviare una seria attività di repressione (con maggiori controlli e sanzioni) nei riguardi della riprovevole pratica di abbandono illegale dei rifiuti. Su questo aspetto si registra qualche differenza nelle risposte dei candidati. Sono convintamente positive le risposte di Sottile e Mamì, anche se quest’ultimo pone più l’accento sulla necessità di una campagna educativa. Si registra invece qualche incertezza da parte di Calabrò, che si dice tendenzialmente contrario ad “una città spiata”, anche se comunque riconosce che “a mali estremi, estremi rimedi”.

Riguardo all’impiantistica necessaria, Calabrò risponde che “la norma non consente ai Comuni di realizzare impianti, … attività in capo alle SRR”. 

Mamì risponde invece che bisogna attivare il centro per il riuso già previsto, ampliare le convenzioni con gli enti che si occupano di riciclaggio e stimolare l’utilizzo delle compostiere domestiche e collettive, magari con la creazione di orti urbani. Su questo non possiamo che essere d’accordo.

Lodevole e ben articolata la risposta di Sottile, secondo il quale bisogna:

– incentivare il compostaggio domestico;

– realizzare sul territorio comunale un centro di selezione e riuso dei materiali riciclabili;

– attivare un tavolo tecnico tra gli enti locali e le associazioni ambientaliste per trovare le soluzioni impiantistiche migliori.

Sia Mamì che Sottile in ogni caso si dicono contrari agli inceneritori.

 Veniamo adesso alla questione RAFFINERIA. La normativa vigente concede solo ai Sindaci di Milazzo e San Filippo del Mela il diritto/dovere di esprimere le necessarie prescrizioni sanitarie a tutela della salute pubblica. Tuttavia, come dimostra un documento della stessa RAM recentemente pubblicato, gli effetti delle emissioni della Raffineria sono rilevanti in un ampio comprensorio che si estende almeno da Barcellona a Rometta.

Abbiamo quindi chiesto ai candidati se sono disposti ad attivare un tavolo di concertazione che coinvolga, oltre ai Sindaci di Milazzo e San Filippo del Mela, anche gli altri comuni del comprensorio ed i portatori di interesse, al fine di individuare le prescrizione necessarie a tutelare la salute pubblica attraverso una riduzione delle emissioni della raffineria.

Su questo è convintamente affermativa la risposta di Sottile.

Positiva anche la risposta di Mamì, che parla di possibile riconversione, glissando però sulle prescrizioni sanitarie necessarie “qui e ora”.

Calabrò si dice favorevole ad una concertazione delle necessarie prescrizioni sanitarie, sfruttando anche il rapporto privilegiato con il Sindaco di San Filippo del Mela. Tuttavia va fatta una precisazione in merito alla sua affermazione secondo cui “laddove le emissioni dovessero superare i limiti di tollerabilità stabiliti per legge, gli effetti nocivi per la salute coinvolgerebbero le popolazioni vicine ai Comuni che ospitano la Raffineria”. Una cosa sono le soglie di tollerabilità individuate secondo dati scientifici dall’OMS, la massima autorità sanitaria internazionale, una cosa sono i limiti di legge, che sono spesso molto più elevati e quindi non garantiscono l’assenza di rischi. Nella valle del Mela esistono molteplici criticità sanitarie, ma probabilmente nessuna di queste è dovuta ad emissioni oltre i limiti, che per determinate sostanze sono addirittura inesistenti. Le prescrizioni sanitarie dovrebbero servire proprio ad individuare limiti più adeguati, in accordo alle soglie di tollerabilità raccomandate dall’OMS e/o già vigenti in altre realtà internazionali più virtuose, al fine di porre fine ad inaccettabili rischi per la salute dei cittadini.

Riguardo agli altri quesiti, tutti e tre i candidati si dicono disposti a collaborare con le associazioni più competenti sulle questioni ambientali.

Nel complesso positive anche le risposte su costa, mare e torrenti. Da segnalare che per Mamì gli “impianti di depurazione” sono insufficienti e bisogna monitorarne lo stato. Sulla stessa lunghezza d’onda Sottile, che propone il potenziamento del depuratore.

Comitato dei cittadini contro l’inceneritore del Mela, ADASC, Coordinamento Ambientale Milazzo-Valle del Mela, Movimento No Inceneritori – Valle del Mela, Circolo Zero Waste Mela/Tirreno “Aimèe Carmoz” 

Queste le risposte integrali dei candidati: