Raffineria di Milazzo: il TAR di Catania decide…di non decidere. Occhi puntati ora sul nuovo riesame AIA

I giudici del TAR di Catania hanno rinviato al 5 novembre prossimo la decisione sul cruciale ricorso contro il rinnovo dell’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) alla Raffineria di Milazzo.

Il rinvio è stato chiesto dall’Avvocatura dello Stato con la scusa che il nuovo riesame dell’AIA – da poco avviato (furbescamente) dal Ministero dell’Ambiente – potrebbe sanare quanto contestato nel ricorso, rendendo superflua una pronuncia del TAR.

Già, potrebbe. Ma potrebbe anche essere un espediente per perdere altro tempo, tant’è che i comuni e le associazioni ricorrenti si erano opposti alla richiesta di rinvio.

Ricordiamo che gli aspetti illegittimi contestati nel ricorso sono essenzialmente due:

  • l’omissione delle “prescrizioni sanitarie”, ovvero i limiti emissivi necessari a ridurre l’inquinamento per tutelare la salute pubblica (limiti prima prescritti e poi cancellati in maniera truffaldina);
  • l’omissione di determinati limiti addirittura già presenti nella precedente AIA del 2011.

Adesso occhi puntati al nuovo riesame dell’AIA dunque. Il Ministero è riuscito a convincere i giudici di voler “mettere la testa a posto”, ma questo è tutto da vedere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...